Torna all'elenco » Eventi del Territorio

Festa della sfossatura


19-26 Novembre 03 dicembre

Il formaggio di fossa arriva sulle tavole


Non si può non cominciare da Sogliano al Rubicone, il “piccolo grandemente amato paese” di Pascoli. Qui si concentra la maggior produzione di fossa. Siamo a nord di Rimini, lungo la valle del Rubicone. Il paese si allunga sul crinale.

La via principale sbatte contro la chiesetta del Suffragio costruita di fianco alla torre civica. Sulla sinistra, una breve via porta a Piazza Matteotti, dove zampilla la fontana delle farfalle di Tonino Guerra.

Nelle ultime due domeniche di novembre e la prima di dicembre il centro del paese si anima di bancarelle e mercatini che propongono formaggio, savor (una composta di mosto e frutta autunnale utilizzata per accompagnare formaggi e carni) e gli altri prodotti locali. Anche le botteghe del paese aprono le porte e “le fosse” che vengono ufficialmente riaperte il 25 di novembre, giorno di Santa Caterina.

L’odore pungente del fossa satura l’aria e l’interno dei negozi, e l’occhio si riempie di piramidi di forme messe le une sulle altre, con le loro inconfondibili sagome bitorzolute, dovute allo schiacciamento subito nei tre mesi di infossatura. Molto suggestivo è anche il momento della sfossatura, quando la buca viene aperta e i sacchi con i formaggi tirati fuori uno alla volta. L’odore che si libera dal pozzo medievale, rivestito di canne e paglia, in quel momento è fortissimo e piacevole.

Prenota
5 buoni motivi
per prenotare dal sito